Il nazista & il barbiere

Il nazista & il barbiere (Marcos y Marcos)

di Edgar Hilsenrath

“Io sono Max Schulz, figlio illegittimo, ma ariano purissimo, di Minna Schulz, che all’epoca della mia nascita faceva la cameriera in casa del pellicciaio ebreo Abramowitz. La mia origine ariana è fuori discussione poiché l’albero genealogico di mia madre, Minna Schulz, magari non si spinge fino alla battaglia del Teutoburger Wald, ma ha pur sempre radici che risalgono a Federico il Grande. Chi fosse mio padre non saprei dirlo con esattezza, ma dev’essere sicuramente uno di questi cinque: il macellaio Hubert Nagler, il fabbro Franz Heinrich Wieland, il muratore Hans Huber, il cocchiere Wilhelm Hopfenstange o il maggiordomo Adalbert Hennemann.”

Comincia così il romanzo di Edgar Hilsenrath, ripubblicato da Marcos y Marcos nella nuova collana minimarcos, che strega letteralmente con il suo stile incredibilmente crudele, divertente, che nella sua spietatezza narrativa sembra essere il resoconto fuorviante e fuorviato di un pazzo o di un ubriaco con pagine malate di conflitti pseudo esistenziali, manifestazioni di fanatismo e forse, una punta di amore, ma per cosa è difficile capirlo o forse, troppo semplice.

Max Schulz è figlio di una prostituta che non si cura minimamente di nascondere la sua condizione, (“Io dovevo stare di guardia davanti alla porta della camera da letto o nella sala d’aspetto, come chiamavamo allora il salotto, e distribuire bigliettini numerati ai soldati che facevano la coda. Davo loro ogni sorta di informazione”) vive in un ambiente malsano, raccapricciante, il suo aspetto è quanto di meno “germanico” si possa avere, moro, naso aquilino e occhi da rospo e il patrigno abusa di lui da quando era bambino. Max ha un solo amico, l’ebreo Itzig con il padre barbiere da cui Max imparerà il mestiere, evitando di farlo dal patrigno anch’esso barbiere, l’yddish e la cultura ebraica.

Max, disturbato, quasi “tocco”, diventerà così più edotto sul mondo ma quando il nazismo sarà al potere lascerà tutto per diventare uno sterminatore di Hitler, con una carriere fulminante, e poi un nuovo cambiamento e lo sterminatore diventerà perseguitato e allora cosa resterà di quel giovane figlio illegittimo ma ariano purissimo che parla come un ebreo? Dove finirà Max?

Un tuffo nella cruenta banalità del male

Alex Pietrogiacomi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: