El optimista del gol, Martin Palermo

 

E non crediate che una zazzera bionda ed un paio d’orecchini vistosi possano fare di me un irriconoscente, uno che non sa usare i congiuntivi, un matto.
Anche se matto, loco, mi piace, perché io poi penso sempre all’attacco di locomotora, e questa mi sento, una locomotiva, dietro di me tutti gl’altri, io a sbuffar fumo dalle narici e masticare i binari e guai a chi si trova sul mio percorso.
A Diego ci voglio molto bene, come tutti dalle nostre parti, anche se lui sì che è matto per davvero: ma io ci voglio bene di più.
È stato lui che m’ha voluto con gli xeneizes. Io ci avevo la zazzerona bionda e i piedi mica tanto buoni, ne avevo insaccati un ciuffo con l’Estudiantes de La Plata ma magie come quelle di Riquelme, dei fratelli Schelotto, di Ariel el Burrito Ortega ne facevo mica, io no, ero un titano, un gigante cogli scarpini a spigoli. Però la buttavo dentro e lì zitti tutti.

Continua in libreria

Fabrizio Gabrielli

Annunci

One Response to El optimista del gol, Martin Palermo

  1. Pingback: Fútbologia « Scrittori precari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: