Li sonetti der Corvaccio

Qui di seguito potete leggere un sonetto pubblicato ne I sonetti der Corvaccio (La Camera Verde, 2011) di Graziano Graziani.

Ricordiamo inoltre agli amici romani che stasera, martedì 7 febbraio, alle ore 21, presso Colosseo Nuovo Teatro, via Capo d’Africa, 29/a, si terrà un reading tratto dal libro. Legge l’autore Graziano Graziani con accompagnamento musicale di Simone Nebbia.

‘E lapidi 

De qua, ficcate ’n tera a la rinfusa,
fatte de marmo lucido e ggajardo
ce so’ le lapidi, ’ndo’ dorme sia ’r bastardo
che ’r nobbile da la nomea più astrusa.

A Roma ce sta ’n detto che sse usa
da di’ pe’ ddi’ a quarcuno che è infingardo: 
“Sei ’na lapide!”, che vòr di’ bburciardo,
perché der vero ’a lapide ciabbusa.

’E lapidi, se sa, so menzoggnere:
pe’ lloro è stato onesto tutto er monno!
Ma ppoi a li morti che je frega ’n fonno?

Er farzo e ’r vero so’ solo chimere
pe’ chi cià ancora er fiato ne la bbocca
e cco’ la verità ce se bbalocca.

Graziano Graziani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: