Let. In. 15

Let. In.
Antologia di Letteratura Inesistente a cura di Carlo Sperduti  – istruzioni per l’uso

(#1 – #2 – #3 – #4 – #5 – #6 – 7# – 8# – #9 – 10# – #11 – 12# – 13# – 14#)

Bianca come il latte, bianca come il sangue
di Alessandro D’Avena
(Montatori)

Fratello della meno famosa Cristina, Alessandro scrive una storia a tratti struggente di un sedicente sedicenne di nome Leo, daltonico dalla nascita. Tutto per lui è bianco, modi di dire inclusi : “Essere bianco d’invidia”, “Film a luce bianca”, “Essere d’umore bianco” e “Avere il conto in bianco”. Leo è innamorato di Beatrice, una ragazza che frequenta la sua stessa scuola. Beatrice però nasconde un segreto: è ripetente. Viola di rabbia, Leo scambia il viola per bianco e diventa bianco di rabbia. Il suo pallore sospetto però viene notato dalla sua amica Silvia, che si innamora di lui. Leo, ringalluzzito, si dà alla politica. Viaggia in auto blu, che purtroppo vede bianca. E le auto bianche, si sa, sono le ambulanze, per cui Leo viene internato in un sanatorio e condannato a ripetere in eterno le scuole dell’obbligo.

Francesco Muzzopappa

Rimario criminale
di Giancarlo De Catarro

Autore dal passato turbolento, De Catarro, conosciuto a Tor Bella Monaca con il soprannome di “Verdone”, scrive il suo esordio poetico durante un periodo di soggiorno nel carcere di Regina Coeli.
La raccolta di testi poetici racconta con crudezza il sottobosco criminale romano mettendone in luce gli aspetti più violenti e le connessioni con il potere in un intreccio di realtà e finzione il cui respiro epico è stato colto con efficacia da Cu Mink 1 nel suo saggio Niu Italian Ernie.
La leggenda vuole che molte delle poesie di Rimario criminale siano state composte attingendo copiosamente alle scritte vergate sulle pareti del carcere, circostanza che ha provocato all’autore più di un dissapore coi propri compagni di villeggiatura.
Tra le rime più memorabili si fanno ricordare La punciata, pungente impressione di una rissa di coltelli, Biancaneve, racconto struggente di un’infinita storia d’amore e Manco c’è bisogno che ve scrocchio, ode a un giovane alquanto sicuro di sé.

La punciata

Nel feroce balenar di guizzi lucenti
Per colpa di quel pugno persi due denti
Non ci pensai sopra neanche un minuto
Accanto a quello der culo, t’aprii n’arto bbuco.

Flavio Pintarelli

Con le peggiori infezioni
di A. Pipperno

Il romanzo narra le avventure di Nicole, ambiziosa ragazza in cerca notorietà e soldi facili nella Milano bene dei nostri giorni.
Nicole ha in realtà una laurea in Biologia, ma dopo anni di contratti precari e malpagati ha deciso di dare una svolta alla sua vita, iniziando una promettente carriera televisiva grazie alla sua bellezza e assenza di scrupoli.
I suoi studi le tornano però molto utili quando si vede scavalcare dalla modella bielorussa Irina Kvetakova nella corsa all’ambitissimo ruolo di valletta del programma “Affari Loschi”.
Accecata dalla sete di vendetta, Nicole ricontatta tutti i direttori di rete, politici e conduttori che ha circuito nel tempo, narcotizzandoli per poi iniettare loro rari virus tropicali che Salvatore, squattrinato ricercatore suo ex collega di studi, le fornisce perché innamorato di lei.
L’infido Nolvio Burlesconi, proprietario della rete televisiva per la quale Nicole lavora, insospettito dalla misteriosa epidemia tra i suoi uomini fa pedinare la ragazza e la smaschera; tutto sembra perduto, ma Nicole, in un colpo di scena finale, riuscirà ancora una volta a farsi valere, ottenendo il ruolo di conduttrice del seguitissimo reality show “Il Bordello”.

Un romanzo che vi terrà inchiodati al letto (L’Osservatore Romano)

Ilaria Mazzeo

La solitudine dei numeri trini
di Paolo Giordaolo

Questa è la storia di un bambino, Mattia, di seconda elementare.
Un bambino che andava bene a scuola, con ottimi voti e che amava stare con i suoi compagni di classe.
Ma tutto questo era destinato a finire tragicamente durante un’ora di matematica.
La maestra creò lo scompiglio nella sua vita con una sola spiegazione: la tabellina del 3.
Mattia non riusciva a memorizzare le operazioni e ben presto si trovò indietro rispetto alla classe.
I suoi compagni cominciarono a escluderlo e si ritrovò da solo, circondato da multipli di 3 che gli provocavano incubi di notte.
Per fortuna incontrerà Alice, una bambina di un’altra classe, che sembra non badare al problema di Mattia.
Ben presto si scoprirà che la dolce Alice ha problemi a memorizzare la tabellina del 5. I due cresceranno insieme e si innamoreranno ma le loro differenze non gli permetteranno di convolare a giuste nozze.
E questo perché Alice arrivò due giorni dopo la data dello sposalizio concordata.

Jacopo Mariani

Il sentiero degli zebedei
di Muwing

Un padre, con la passione per il trekking, costringe i suoi due figlioli, con una tecnica di sfinimento sopraffina, a seguire le tracce di una mucca toscana iniziando così di fatto un viaggio in giro per l’Italia, dal mare alle montagne, che porterà il power-trio a visitare luoghi di culto occidentale come fast food, take away e catene di ristorazione paghi 10 mangi quello che vuoi. Scopriranno segreti inconfessabili, come ad esempio non lasciare fuori dal frigo più di 10 minuti una fettina di formaggio perché diventa blu oltre che tossico. Ma sopratutto si renderanno conto di quanto possa essere deleterio camminare ore sotto il sole, controvoglia.
E controvento.

Fabio Roversi

3 Responses to Let. In. 15

  1. Carmen Vella scrive:

    No, ma è fantastico!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: