Parigi à passages – Galerie Véro-Dodat

di Simone Olla

Nerval e il suo amico Chenavard visitano due volte la Collection Indienne di Monsieur Catlin del 1845. Durante la prima visita assistono alle danze di dodici indiani Ioways e ne rimangono estremamente colpiti, ma per motivi diversi. Chenavard riempirà un intero quaderno che andrà perduto durante l’eurc del 1910. Nerval sentirà l’esigenza di una seconda visita, due mesi dopo, e per contribuire al dibattito attorno a L’Autre de l’art firmerà un articolo intitolato Spectacles d’ètè, Les indienes O-Jib-Be-Was à Paris. All’amico pittore dirà di essersi sentito studiato, durante la prima visita così come durante la seconda.
Potresti spiegarti meglio?
Ho visto i vostri occhi, avidi. E ho visto i loro, avidi allo stesso modo, di noi, di voi. Mi sono chiamato fuori dal nostro primitivismo, ma ancora non ero da solo. Le domande che ci hanno fatto, ricordi? E il ritrattista? I nostri abiti, i nostri balli, la nostra guerra. Prendevano oggetti che avrebbero regalato alle tribù amiche. Era la loro esplorazione, nell’altro nuovo continente.
Sei pazzo!

Ma sei un genio!
Potresti spiegarti meglio? È importante.
Hai visto dove non riuscivo a vedere. Mi hai spiegato accomodandomi dentro un’altra prospettiva: la loro. E ora Leggi il resto dell’articolo