Poesia precaria (selezionata da L. Piccolino) – 12

Patrizia Berlicchi è una poetessa e una mia amica.

Man mano, leggendo le sue opere, ho creduto di essermi ormai fatto un’idea sul suo modo scrivere.

Fandonie.

Semi (Aletti editore 2009) è un libro estemporaneo, spiazzante, immediato ma non facile.

Poesie di tre righe che appaiono complete, avvolgenti, profonde, delicate, potenti, coraggiose.

L’unico indizio che Patrizia lascia è una piccola introduzione da cui estraggo un passaggio:

Semplicemente sono stata in silenzio, in ascolto, aspettando che le immagini “risuonassero” in me e si facessero segno.

Soltanto semi adesso ma, sono fiduciosa, con amore e perseveranza arriverà il frutto maturo.

Tutto il resto è un viaggio che il lettore dovrà compiere apparentemente da solo.

Poi, guardandosi intorno potrà notare come i semi passati sotto ai suoi occhi stiano via via germogliando riempiendo lo spazio circostante.

Non è possibile, a mio avviso, estrapolare dal suo contesto una delle poesie dell’opera menzionate senza commettere un delitto o peggio sminuire il lavoro di questa autrice.

Quindi attingerò i versi di oggi dal libro Nessuna stazione (Montedit) altro bel capitolo della produzione poetica di Patrizia Berlicchi.

Buona lettura.

Luca Piccolino

La notte lo snodo

 

Mi piace il ferro arrossato

l’intonaco scrostato

guarito

da notturni invisibili pittori;

angeli resuscitatori

della città ferita

a morte.

Mi piacciono le porte

che accolgono

discrete

generose

lacrime sbrindellate

risate

dolorose…

fino alle fusa dell’aurora

mentre la notte ci reclama ancora.

Patrizia Berlicchi

Patrizia Berlicchi è nata a Firenze il 7 gennaio 1962 e vive a Roma.

Ha pubblicato: Disattendere, prego (edizioni Il Filo 2006), Amorepureamaro (Nicola Pesce editore 2006), Carne mia (Montedit 2007), Exilva (Aletti Editore 2008), Arcaninversi (versi ignari sugli arcani maggiori) (Montedit 2008), Nessuna stazione ( Montedit 2009), Semi (Aletti editore 2009)